Valpolicella Superiore Doc

Deve essere ottenuto da vitigni coltivati esclusivamente in Valpolicella, quali Corvina e Corvinone(nella misura massima del 50% in sostituzione della Corvina) e Rondinella; a questi si aggiunono, in percentuali inferiori, Forselina, Negrara e Oseleta. La varietà detta Molinara è comunque ammessa, anche se recentemente è uscita dal disciplinare.

Per forgiarsi della denominazione che lo definisce “Superiore”, il Valpolicella deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento in botti di Rovere, nella zona di produzione, non inferiore a 12 mesi, a partire dal primo gennaio, successivo all'anno in cui ha avuto luogo la vendemmia. Il vino deve inoltre possedere una gradazione naturale minima di 11° ed immesso al consumo con una gradazione non inferiore a 12°.

CARATTERISTICHE DEL VALPOLICELLA SUPERIORE DOC

Colore: rosso rubino intenso, tendente al granato con l'invecchiamento.
Profumo: vinoso, gradevole, caratteristico, delicato, lievemente etereo e di vaniglia, talvolta richiama le mandorle amare.Sapore: affinato e armonico, di corpo, amarognolo e sapido, secco e vellutato.
Gradazione minima: 12 gradi.
Estratto secco netto minimo: 18 per mille.

MODALITA' DI SERVIZIO DEL VALPOLICELLA SUPERIORE DOC
Servire a 18 gradi.

PERIODO MASSIMO RENDIMENTO GUSTATIVO
A partire dai due anni di maturazione.

ACCOSTAMENTI
Il Valpolicella Superiore DOC è un vino adatto a piatti a base di faraona, si sposa ugualmente bene con arrosti di vitello e maiale, risotti saporiti e zuppe di legumi.

Visualizza i Valpolicella Classico Superiore del nostro Catalogo